Lavoro: i tempi per dimettersi digitalmente

Dice S.:
il paradosso italiano.
uno, per accedere al sito dell’INPS (nel mio caso, ma tutte le PA) deve avere lo SPID. Per fare lo SPID “quello delle poste” ci si impiega CINQUE GIORNi.
Cioè, se devo loggarmi urgentemente sul sito INPS NON posso farlo se non ho lo SPID ( come nel mio caso, che ho chiesto ieri).
E fin qui..
ora, per dare le dimissioni, dal 2016, puoi farlo SOLO ANDANDO sul sito dell’INPS. In definitiva: se uno deve dimettersi e non ha lo SPID, lo può fare solo dopo cinque giorni, magari facendo poi slittare di 15 giorni il tempo di preavviso ( perchè, altra burocrazia, lo si può fare solo o l’1 o il 15 del mese..)
Qualche anno fa, per dimettersi: scrivevi una lettera con su scritto “mi licenzio”. Fatto.

e aggiunge:

la cosa che fa incazzare:
vai sul sito https://posteid.poste.it/identificazione/identificazione.shtml
e non trovi nessuna indicazione del tempo reale per attivare ‘sto spid.
PEGGIO.
Ti mettono tempistiche di 15 minuti, come per dire “fai tutto in 15 minuti!”
si. la procedura la fai in 15 minuti. l’attivazione in 5 giorni.

A. risponde: mia madre usa ancora il PIN

S. precisa: Quando scade deve usare lo spid

A.: appena rinnovato

S.: Sul sito c’e’ scritto che non e’ possibile

A.: A noi compare il nuovo pin. poi c’è da dire che anni fa, leggendo gli alert minacciosi di INPS che avrebbero dismesso il PIN, le ho fatto lo SPID, quindi sto solo aspettando il momento che veramente elimineranno il tab.

S.: Non potranno mai farlo, per chi vive fuori Italia

Si noti: https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=54128

Dal 1° ottobre 2020 l’INPS rilascerà il PIN come credenziale di accesso ai servizi dell’Istituto solo per le seguenti categorie di utenti e per i soli servizi loro dedicati:

  • minori di 18 anni;
  • persone che non hanno documenti di identità italiana;
  • persone soggette a tutela, curatela o amministrazione di sostegno.Queste categorie potranno continuare a rinnovare il proprio PIN nel modo usuale.

Tutti gli altri utenti potranno accedere ai servizi offerti da INPS utilizzando uno dei sistemi di autenticazione alternativi attualmente accettati, che sono i seguenti:

Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID);
Carta d’Identità Elettronica (CIE) ;
Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

 

A.
[In reply to ..]
Io, in tempi di lockdown 2020, avevo attivato SPID sempre con Poste, perché era (forse è ancora) l’unico provider di certificazione ad offrire la totale autenticazione (gratuita) tramite app e chip NFC, eliminando la necessità del riconoscimento de visu (fisico o virtuale che sia).
Praticamente avevo utilizzato lo smartphone come lettore della parte smart della CIE + PIN della carta d’identità elettronica stessa (se ricordo bene, diviso in due parti, una comunicata all’atto della richiesta in Comune e l’altra metà ricevuta con la CIE stessa rilasciata dal Ministero degli interni).

S.,
siamo a livelli ridicoli

S.,
mi dicono che posso chiedere il pin “momentaneo”, tramite ID elettronica o tramite CNS.
Il primo chiede di usare un app, con il pin della ID card che non ho sottomano ne mi ricordo se l’ho in giro. il secondo mi fa andare su una pagina che dice che il certificato “non è valido”

 

S.,
per entrare negli uffici dove sto in questo momento passo da dei tornelli dove in automatico mi identifica ( tramite badge), mi prende la temperatura e mi apre le porte, senza fare nulla. e per dimettermi devo attendere giorni SOLO per accedere su un sito ( obbligatorio per procedere )